S

il Salento

terra magica

il tacco d'Italia

Il Salento

Il Salento terra magica e meravigliosa, è racchiusa tra due mari, Adriatico e Ionio, e come una perla brilla e fa risplendere il Mediterraneo. Terra di passioni ed antiche credenze, incastonata tra roccie ed uliveti, si presenta al visitatore come un mondo tutto nuovo, una nuova realtà che aspetta solo d'essere vissusta. Ottima meta per le vacanze estive, accogliente e rilassante, piena di colori e musicalità,si manifesta al visitatore come un esplosione intensa e profonda di profumi e suoni di questa terra così ricca d'arte e storia. Dolmen, menhir, specchie e muretti a secco testimoniano quella tradizione popolare così antica che accomuna ogni paese di questa penisola così bella, intensa e pregnante di cultura. Entusiasmante e senza dubbio il clima che si respira nella la "Notte della taranta". Sensazioni uniche e momenti pieni d'enfasi in questa serata che ogni estate rinasce in tutto il suo splendore come il fantastico mare salentino che infrangendosi poi si ripresenta ancora e ancora una volta in tutta la sua forza.

OTRANTO - la porta d'oriente

Otranto, splendida città del basso Salento si affaccia nello stretto da cui prende il suo stesso nome, “il Canale d'Otranto” situato a sud dell'Adriatico, nel punto più orientale d'Italia. La città, splendida realtà turistica della Puglia, vero e autentico patrimonio è conosciuta e apprezzata ovunque sia per le sue bellezze naturali che per quelle artistiche.


Un susseguirsi di lunghissime distese dorate di sabbia finissima rendono Otranto così unica agli occhi di chi la visita, spiagge bagnate da acque trasparenti e limpidissime tanto da essere premiate con le 5 vele di Legambiente. Qui, poi, risiedono numerose strutture balneari e villaggi turistici, il tutto immerso nel caratteristico fascino della macchia mediterranea, fatta per lo più di pini marittimi ed in parte di vegetazione mediterranea, tipica di questa zona del Salento.


E poi, i Laghi Alimini, a circa 8 km della città, vero e proprio elemento caratteristico dell’agro otrantino. Esso si compone di due laghi, Fontanelle (detto anche Alimini Piccolo) e Alimini Grande. Il primo è un lago di acqua dolce di origine carsica e alimentato dalle precipitazioni meteoriche e da diverse sorgenti dette appunto fontanelle, inoltre, è collegato ad Alimini Grande attraverso un canale denominato "lu Strittu", che lo va ad alimentare di acqua dolce.


Ma, come suddetto , Otranto non è solo mare né solo spiagge. Otranto è percezione del passato, è rispetto della storia, quella che ancora rivive nelle maestose mura del Castello Aragonese che maestoso e imponente sorge al centro della città e nella Cattedrale, uno dei complessi architettonici più ricchi del Salento dove è possibile visitare il quasi millenario pavimento a mosaico, unico al mondo, dove è raffigurato “l’albero della vita” e dove, a documentare la stessa storia, in sette armadi sono racchiusi i resti dei martiri di Otranto barbaramente decapitati dai Turchi sul colle della Minerva il 14 agosto 1480.


Questa è Otranto, un luogo dove passato e presente convivono insieme.